MAGGIO

Durante il mese di maggio, Casa degli Artisti ospita in residenza alcuni artisti svizzeri, con l’intento di rimarcare la collaborazione e l’unità di intenti con il programma di House of Switzerland, accolto dalla Casa, e soprattutto per stimolare uno scambio fruttuoso tra artisti svizzeri e italiani. Selezionati e invitati per la loro attenzione alla sfera pubblica, per l’esperienza sui progetti partecipati, per la disponibilità a mettersi in relazione con artisti italiani, gli artisti avranno a disposizione gli spazi al secondo piano di Casa degli Artisti quale luogo di lavoro e presentazione dei propri lavori. A conclusione dei giorni di residenza, ogni artista presenterà al pubblico il lavoro in forma di open studio, lettura, performance.

 

ELIA GOBBI e COSIMO FILIPPINI

Adamà Adamà, figli della terra rossa Spazio artistico condiviso condotto da Elia Gobbi e Cosimo Filippini.

In questo progetto i cittadini sono invitati a partecipare a un’esperienza artistica di modellamento, una co-creazione condivisa in una terra-ancora-da-venire. Non importa avere una formazione artistica, i partecipanti saranno guidati in tutte le fasi della lavorazione. Terra cruda e paglia sono la materia prima dei laboratori, che prevedono un lavoro scultoreo nella realizzazione del corpo di una formella e poi pittorico, nell’applicazione della sua pelle. Durante due incontri, di due ore l’uno, verrà favorita la scoperta di una pratica artistica e l’incontro con una materia viva, in un terreno umano di condivisione e di espressione.

Nel corso della residenza il lavoro di ogni partecipante sarà in dialogo con gli altri nella configurazione di un’opera condivisa.

I laboratori si tengono ogni lunedì, giovedì, sabato e domenica di maggio.

 

 

 

Lunedì: 15.00>19.00

9 – 16 – 23 maggio 2022

Giovedì: 11.00>13.00 / 15.00>19.00

5 – 12 – 19 – 26 maggio 2022

Sabato: 11.00>13.00 / 15.00>19.00

7 – 14 – 21 – 28 maggio 2022

Domenica: 11.00>13.00 / 15.00>19.00

8 – 15 – 22 – 29 maggio 2022

Partecipazione gratuita su prenotazione

Per info e prenotazioni: [email protected]

 

 

ALEX DORICI e YARI MIELE

Il confronto tra realtà svizzere e italiane, fil rouge di questo progetto, si esplica perfettamente nella residenza degli artisti Alex Dorici (che vive e lavora prevalentemente a Lugano) e Yari Miele (che vive a lavora prevalentemente tra Cantù e Milano, con frequenti incursioni in Svizzera).

Questa loro residenza è il primo step di un lavoro che proseguirà nei mesi successivi e che si concluderà con un’esposizione nel mese di settembre.

Il lavoro di entrambi partirà dall’utilizzo delle cime nautiche dell’azienda Gottifredi Maffioli di Novara (che sostiene il progetto) per dare forma a un’installazione site-specific che interagirà con l’architettura della Casa, curata da Marco Tagliafierro.

 

 

OPPY DE BERNARDO

Nato a Locarno, con studi tra Como e Milano, Oppy De Bernardo, porta in Casa degli Artisti un progetto che gioca con la “contaminazione” e l’”integrazione” tra immigrati – in questo caso i suoi genitori – e la Svizzera, paese da sempre identificato con i suoi cliché: orologi, cioccolato e la precisione.

Durante la sua residenza, De Bernardo realizzerà un mosaico in tasselli di cioccolato di diverse gradazioni di colore che riproduce la foto di nozze dei suoi genitori, napoletani immigrati in Svizzera. A sottolineare lo scambio tra i due paesi, i 3500 tasselli di cioccolata saranno prodotti dalla pasticceria Sandro Pinotti di Ascona.

L’opera intitolata “Souvenir”, una volta conclusa sarà messa a disposizione del pubblico – dai più piccoli agli adulti – che potrà prendere i tasselli di cioccolato del mosaico e mangiarli.

Open studio con “opera da mangiare”: 29 maggio, dalle ore 11.00 alle ore 20.00

Partecipazione libera e gratuita

Nell’ambito dell’ospitalità e della collaborazione con la Svizzera, Casa degli Artisti ha esteso il suo invito anche ad artisti che presenteranno il loro lavoro al pubblico attraverso talk, workshop e azioni performative.

 

WorkshopSAN KELLER

Di casa a Zurigo dal 1995, Keller è noto per le sue performance partecipate e i suoi interventi artistici di breve durata che non di rado sembrano esperimenti sociali. Il tono di fondo delle sue opere è critico e concettuale, gioca con la relazione tra arte e vita.

San Keller assume vari ruoli e posizioni nel mondo dell’arte con una grande quantità di scetticismo, autoironia ed energia. Un maestro del tempo reale, dell’imponderabile e un romantico che crede nella libertà dell’esistente. Il modo in cui usa l’arte come servizio dà al pubblico l’opportunità di mettere in discussione schemi di pensiero superati, di sperimentarli di nuovo e di sottoporre le proprie azioni a un occhio critico. Le sue performance prendono sempre un corso sorprendente e inaspettato, a seconda di come i partecipanti interpretano le semplici regole che vengono comunicate in anticipo.

In Casa degli Artisti terrà il workshop “Cosa legge Brera?”, insieme alla giovane grafica Maria Peskina. Una giornata di approfondimento sulle pratiche performative partecipate, rivolta a giovani artisti e studenti delle accademie di belle arti e teatrali, che si concluderà con una lettura pubblica del lavoro svolto.

Workshop: 13 maggio, 10.00>20.00

Lettura pubblica: 13 maggio, ore 20.30 

Partecipazione gratuita su prenotazione

Per info e prenotazioni: [email protected] 

 

 

Evento performativo – MASSIMO FURLAN

Per Casa degli Artisti, l’artista multidisciplinare Massimo Furlan torna a Milano con la performance poetica e anticonformista “Blue Tired Heroes”. Quindici “supermen senior” vagano per la città per imporre, in una serie di tableaux vivants tanto burleschi quanto delicati, le prove fisiche dell’invecchiamento su questa figura di supereroe intrappolato nella sua eterna giovinezza.

Superman è nato nel 1933. Cosa succederebbe se finalmente assumesse la sua vera età? Con solo pigiama e pantaloni blu, calze rosse e un mantello come accessori, Massimo Furlan risponde alla domanda scatenando uno strano commando di una quindicina di anziani della città che si impadroniscono dello spazio pubblico. Corpi invecchiati e volti rugosi scuotono la nostra immaginazione per mostrare l’evidenza del passaggio del tempo. Incarnati da quindici residenti volontari, questi “stanchi eroi blu” giocano con l’umorismo e l’autoironia, la loro età e la loro immagine, che è molto lontana dalla corporatura di un bodybuilder.

Performance urbane: 28 e 29 maggio, ore 18.30 – partenza da Casa degli Artisti

Partecipazione gratuita su prenotazione

Per info e prenotazioni: [email protected]

 

 

Evento musicale – ALEXANDRE BABEL e SILVIA GILIBERTO 

Percussionista, compositore, curatore e Premio Svizzero per la Musica 2021, Alexandre Babel arriva a Casa degli Artisti appena dopo aver curato, insieme a Francesco Stocchi, il progetto “The Concert” di Latifa Echakhch per il Padiglione Svizzero della 59. Biennale di Venezia.

Per questa residenza milanese collabora con l’italiana Silvia Gilberto, pianista emergente specializzata nell’esecuzioni di brani di classica contemporanea, che ha già suonato alla Casa in occasione dell’edizione 2021 del Festival Pianosofia.

Nell’atelier musicale di Casa degli Artisti, Alexandre Babel strutturerà una nuova composizione per pianoforte e percussioni che sarà eseguita da Silvia Giliberto e Alexandre Babel stesso.

Open studio: 20 maggio, ore 19.30

Partecipazione gratuita su prenotazione

Per info e prenotazioni: [email protected] 

 

 

Talk – Urbane Kunst

Nell’ambito del programma di “residenze urbane” e “sportello urban art” di Casa degli Artisti, sarà presente la rete “Urbane Kunst” (urbanekunst.ch), associazione di Basilea per la valorizzazione della street art, delle arti e delle Culture urbane. Sarà questa l’occasione per realizzare alcune interazioni con realtà e network di street art del territorio milanese e lavorare insieme per la costruzione di un possibile gemellaggio per collaborazioni future.

Il 15 maggio un incontro aperto al pubblico, con la presenza di “PUSH-urbanekunst”, “SAND – DCN Crew Milano”, “Pablo Pinxit”, Alice Cosmai (Referente muralismo e street art – Area Museo delle Culture, Progetti Interculturali e Arte nello Spazio Pubblico, Comune di Milano) e altri artisti ed esperti del settore e moderato da Christian Gancitano, di Casa degli Artisti | Atelier Spazio Xpò, racconterà il lavoro della rete di Basilea e di alcuni interventi di arte pubblica a Milano. Nei due giorni precedenti 13 e 14 maggio, gli artisti urbani svizzeri “TIMO” e “PUSH” e alcuni artisti di crew storiche milanesi come “SAND” e “Pablo Pinxit”, realizzeranno un murales presso uno dei ” muri liberi” a Milano.

Talk 15 maggio, ore 17.30

Partecipazione gratuita su prenotazione

Per info e prenotazioni: [email protected]